Pisa – Buone notizie per la chiesa San Francesco

Annuncio clamoroso per una delle nostre parrocchie della Provincia, esattamente quella di San Francesco a Pisa:  il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte ha deciso di inviare il 4 ottobre, festa di San Francesco d’Assisi, alla Solenne Messa presieduta tradizionalmente dall’Arcivescovo di Pisa, Mons. Giovanni Paolo Benotto, un Rappresentante Ufficiale del Governo.

E’ un evento importante perché tradizionalmente il Governo partecipa ufficialmente alle cerimonie del 4 ottobre solo ad Assisi alla tomba del Santo Patrono d’Italia, e mai ad altre cerimonie simili nel resto d’Italia.

Il 4 ottobre, è sempre festa a Pisa, con solenni funzioni presso la parrocchia affidata ai Frati Minori Conventuali, alla presenza dell’Arcivescovo e del Sindaco, con il tradizionale omaggio floreale al Santo da parte del Comune, ma quest’anno la festa sarà ancora più sentita in quanto pochi giorni fa,  dopo tre anni di attesa, è arrivata la notizia che il Governo ha stanziato tutti i soldi necessari per riaprire la chiesa, chiusa dall’aprile 2016 per rischio crollo, e per intervenire anche sul chiostro, sul campanile e sul convento.

Un vero e proprio miracolo, inaspettato, che si è concretizzato sabato scorso, quando il Sottosegretario al Ministero dei Beni Culturali, la Senatrice Lucia Borgonzoni, assieme al Sindaco di Pisa, ha annunciato che il Ministero dei Beni Culturali ha immediatamente messo a disposizione tutta la somma necessaria (quasi 6 milioni di euro)  per iniziare quanto prima i lavori e riaprire, tra non meno di quattr’anni dall’inizio effettivo di questi lavori la chiesa di San Francesco.

I lavori – ha annunciato il Sottosegretario – inizieranno presto, perché la gara europea sarà bandita in tempi brevi. Sembra che il poverello d’Assisi, San Francesco, alla vigilia della sua festa,  abbia fatto – dopo tre anni di rimandi continui – il miracolo di aprire i cuori dei funzionari del Ministero per i beni culturali a Roma. 

Così il neo Sindaco di Pisa, Michele Conti, sul suo profilo Facebook ha dato nei giorni scorsi l’annuncio:

“Oggi insieme al Sottosegretario ai Beni Culturali Lucia Borgonzoni ho incontrato il Soprintendente Andrea Muzzi. Fra i tanti temi sul tavolo, come avevo promesso, il restauro della chiesa di San Francesco. La buona notizia è che i circa cinque milioni e mezzo per il restauro completo sono già disponibili, deliberati dal Ministero dei Beni Culturali e andranno a gara in tempi brevi!”

La Sottosegretaria Borgonzoni ha annunciato un finanziamento ministeriale totale di quasi 5,9 milioni di euro dal 2019 al 2022: 1,2 milioni l’anno prossimo, un milione quello seguente e 3,3 nel 2021. Fondi che permetteranno di sistemare la chiesa anche senza il contributo della Fondazione Pisa, che era limitato agli interventi sulla chiesa, e che è stato “congelato” dalla burocrazia da oltre un anno.

“Contestualmente – ha aggiunto – stiamo lavorando anche per creare un modello di contratto replicabile anche altrove per riuscire a spendere i soldi che erano stati offerti dalla Fondazione Pisa, 2,6 milioni di euro, individuando la formula giusta per vincolare quel finanziamento a interventi dedicati”

Probabilmente la decisione del Ministero è stata presa anche alla luce che in questi quasi tre anni di chiusura della chiesa i costi totali del restauro sono lievitati, e di non poco: dai 4 milioni iniziali preventivati nel 2016 ora sono necessari quasi 6 milioni, ovvero 1 milione e 950 mila euro in più…

Un mese fa la parrocchia ha spedito un apposito invito a partecipare alla cerimonia del 4 ottobre al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, al Ministro Alberto Bonisoli e ai due Sottosegretari dei Beni Culturali, spiegando dettagliatamente la situazione in cui versa la chiesa e la parrocchia, con i fedeli costretti da tre anni a spostarsi in un’altra chiesa, quella di Santa Cecilia.

Si pensava, proprio per richiamare l’attenzione dei politici e dell’opinione pubblica sulla questione, di celebrare quest’anno la Santa Messa all’aperto, in piazza San Francesco, davanti alle impalcature della facciata, ma poi, dopo l’annuncio di sabato dello stanziamento dei fondi, e le condizioni meteo non certe, la funzione si celebrerà normalmente in Santa Cecilia.

E il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, impossibilitato ad intervenire perché impegnato proprio ad Assisi alle cerimonie nazionali sulla tomba del Santo, ha deciso di inviare alla cerimonia come Rappresentante ufficiale del Governo il Sottosegretario agli Esteri Guglielmo Picchi, che tra è l’altro unico toscano a far parte del Governo Conte.

La cerimonia, presieduta dall’Arcivescovo di Pisa Mons. Giovanni Paolo Benotto, inizierà alle ore 18 e vedrà la partecipazione dei Gonfaloni del Comune di Pisa, con il Sindaco, e della Provincia, oltre alle principali autorità militari. I canti saranno eseguiti dalla corale parrocchiale diretta dal Maestro Enrico Nuti.

Al termine della cerimonia religiosa è previsto un piccolo rinfresco presso la sala del Capitolo del convento, in piazza  San Francesco.

“Come ogni anno – ha dichiarato il Parroco Padre Giuliano Budau– per la festa di San Francesco, titolare della nostra parrocchia, le nostre porte si aprono alla cittadinanza, e alle autorità che così rendono onore al Patrono d’Italia. Una festa che però da tre anni è stata celebrata con l’anima e il cuore spezzati per la chiusura della nostra amata, quanto antica, chiesa. La notizia di sabato scorso è stata per noi frati, come per tutta la comunità parrocchiale, e credo per l’intera città, un fulmine a ciel sereno, un vero e proprio miracolo avvenuto alla vigilia della festa del Santo. Le preghiere che in questi tre anni sono state elevate, coadiuvate anche dall’appoggio del nostro Arcivescovo, che ha fatto ben due solenni appelli, il primo proprio l’anno scorso al termine della festa, hanno dato buoni frutti.

Siamo grati al Presidente Giuseppe Conte della sua attenzione, cosi come al Ministro e alla Sottosegretaria Lucia Borgonzoni, e siamo lieti di accogliere tra noi, in rappresentanza del Governo il Sottosegretario agli Esteri Guglielmo Picchi.

A cura poi del giornalista vaticanista Franco Mariani e del parrocchiano Nicola Nuti sul sito della parrocchia www.sanfrancescopisa.it e sulla pagina facebook e canale youtube, tutte curate direttamente da loro, si potranno vedere foto e riprese video della cerimonia.

Indietro