Torna a saldarsi l’antico rapporto tra l’Università di Urbino e la Grafologia

UNA FRANCESCANA DEI NOSTRI TEMPI LA VITA E GLI SCRITTI DI TINA GARAU DELL’ORDINE FRANCESCANO SECOLARE. IL NUOVO LIBRO DI P. GIUSEPPE SIMBULA
13 Dicembre 2018
60 anni della Parrocchia Santi Pietro e Paolo – ROMA – EUR
21 Gennaio 2019

La mattina del mercoledì 19 dicembre, è stata siglata una convenzione tra l’Università di Urbino, l’Istituto Grafologico “Girolamo Moretti” e l’Associazione Grafologica Italiana per l’avvio di un corso triennale di Grafologia presso il Dipartimento di Economia, Società e Politica (DESP) che sarà presto definito nei dettagli da parte di un comitato scientifico presieduto dal professor Luigi Alfieri.

Vilberto Stocchi, Rettore dell’Università di Urbino, segnala che

“La presenza decennale nella città di Urbino dell’Istituto “Moretti” è un’opportunità da cogliere, un valore che l’Ateneo riconosce fin dal rapporto che legava Girolamo Moretti con Carlo Bo dagli anni ’70 e che si intende riallacciare dopo l’interruzione avvenuta nel 2007 a causa delle riforme ministeriali”

Padre Fermino Giacometti, Presidente dell’Istituto “Moretti” ha dichiarato quanto segue:

“Gli studi di Girolamo Moretti hanno consentito di studiare attraverso l’analisi della scrittura a mano gli aspetti più complessi e articolati del comportamento umano. E’ estremamente importante che tali studi possano avere formale strutturazione all’interno dell’università per potervi dare attraverso un metodo anche un valore formale che riconosca una figura da sempre richiesta nell’ambito delle perizie forensi come nel capo socio-sanitario”

Roberto Bartolini, presidente dell’Associazione Grafologica Italiana sostiene che:

“siglare questa convenzione significa riconoscere che anche in tempi di comunicazione tecnologica va riconosciuta l’importanza della scrittura anche in considerazione dei progressi scientifici che proprio la tecnologia ha portato nel campo dell’analisi grafologica, che oggi ci consentono di ottenere risultati importanti e riconosciuti.

Maggiori informazioni sul sito dell’Istituto di Grafologico Internazionale “Girolamo Moretti”